METODO – lezione 12

LEZIONE 12 – LE NOTE CON IL PORTAVOCE, DAL “MI” AL “LA” ACUTO

In questa lezione numero 12 parleremo ancora delle note acute, che abbiamo già introdotto nella precedente lezione, ed impareremo, con specifici esercizi, ad eseguirle in maniera più fluida e spontanea.

Tutto questo continuando a seguire il sistema di notazione letterale che prevede la lettura della musica utilizzando le lettere dell’alfabeto congiuntamente ad alcuni simboli che ci permettono di suonare un brano musicale già conosciuto.

Breve riepilogo della lezione precedente: le note con il portavoce sono quelle note che vanno oltre il RE alto e che si fanno aprendo metà foro numero zero (quello appunto del portavoce) e soffiando con più decisione.

Questa regola vale per le note dal MI al LA, su cui oggi ci eserciteremo.

Partiamo allora con il primo esercizio di questa lezione, il numero 49, dove impareremo lentamente a salire fino al LA acuto.

Esercizio 49

MI_ FA_ SOL__

MI MI FA FA SOL__

LA_ SOL_ FA__

SOL SOL FA FA MI__

 

Nell’esercizio numero 50 ci eserciteremo nel passaggio tra il DO e RE acuti alla sezione delle note con il portavoce.

Esercizio 50

DO_ MI_ RE_ FA_

SOL SOL FA FA MI_ DO_

DO_ MI_ RE_ FA_

SOL FA MI RE DO__

 

Nell’esercizio numero 51 troviamo una difficoltà in più: quella di partire subito con il SOL acuto e, nell’ultimo rigo addirittura con il LA. Ricordiamoci di dare una spinta piuttosto decisa con il flauto.

Esercizio 51

SOL_ MI_ SOL SOL MI_

FA MI RE SOL MI_ DO_

SOL_ MI_ SOL SOL MI_

LA SOL FA RE DO__

 

Incominciamo ora con i alcuni spezzoni di brani, la cui versione completa potrete già trovarla sul mio sito, che prevedono una certa abilità nell’esecuzione delle note acute con il portavoce.

Il primo di questi brani è Memories, la parte iniziale. Ovviamente il mio consiglio è quello di studiare questi esercizi con il metronomo partendo da una velocità bassa per poi aumentarla gradualmente fino ad arrivare alla velocità di circa 80 battiti per minuto. Tuttavia in questo brano, essendo le note senza trattino in realtà delle crome, raddoppio la velocità del metronomo da 80 a 160.

Esercizio 52 (Memories)

SOL <MI FA> SOL <MI FA> SOL__

MI <DO RE> MI <DO RE> MI <DO RE> MI

<RE DO> la la la <la sol la sol> sol_

sol <la la> la la DO si__

 

SOL <MI FA> SOL <MI FA> SOL__

MI <DO RE> MI <DO RE> MI <DO RE> MI

<RE DO> la la la <la sol la sol> sol_

sol <la la> la la DO

<si si> si si DO DO__

 

Il prossimo brano è invece il finale della colonna sonora “Pirati dei Caraibi”, anch’esso eseguito a velocità 160 in ritmo ternario, ma, lo ripeto ancora, per chi deve impararlo consiglio di partire con una velocità 80.

Esercizio 53 (Pirati dei Caraibi, lettera E)

MI_ FA_

MI MI MI <MI> RE_

RE_ DO_

si DO si <si> la_

 

<la si DO> MI

<la si DO> FA

<la si DO> MI MI SOL <MI> RE

RE_ DO_

si DO si la_

 

Questo è l’ultimo esercizio della lezione odierna, ed ho voluto prendere uno spezzone di una stupenda canzone di Fiorella Mannoia, intitolata “Quello che le donne non dicono”. E’ un brano che si spinge fino al LA acuto. Proviamo ad eseguirla. Su questo sito trovate anche una versione delle note facilitate, dove le note acute sono abbassate di un’ottava. Velocità 160.

Esercizio 54 (Quello che le donne non dicono, lettere B e C)

FA <FA> MI <RE> DO <RE> MI_

<MI MI MI> RE DO si <DO> RE__

<RE FA> MI <RE> DO <RE> MI__

 

<MI MI> LA SOL FA <MI> FA_

FA LA SOL <LA> SOL FA MI_

<MI MI SOL> FA <SOL> FA MI RE_

 

<RE FA> MI <RE> DO <RE> MI

<FA> MI <FA> MI

<FA> MI <DO> DO___

<la la si> DO DO si_

 

si DO LA SOL______

<MI FA> SOL <SOL> SOL

<LA> LA SOL

 

DO RE MI FA <MI> DO la

FA <MI> DO la

<la si> DO MI

FA MI RE LA

 

SOL_____

<MI FA> SOL <SOL> SOL

<LA> LA SOL

DO RE MI FA <MI> DO la

FA <MI> DO la

la <si> DO MI

FA <MI> RE DO DO____

 

Ritengo, onestamente, che gli esercizi che vi ho proposto in questa lezione sono molto difficili. Ripeto ancora di procedere in maniera graduale e di non scoraggiarvi se non riuscite a farli subito perché essi richiedono una buona dimestichezza sia delle dita che nella giusta quantità di fiato nell’insufflazione.

Se riuscite ad eseguire per bene gli esercizi di questa lezione potete ritenervi ormai ad un livello avanzato con il flauto dolce.

Nella prossima lezione approfondiremo il discorso delle note alterate e ci eserciteremo su alcune di esse.

Ecco il video della lezione:

Condividi ...
Share on Facebook
Facebook